Fondi UE, le Marche sul podio delle Regioni con le migliori performance

Dalla Regione – “E’ un risultato molto soddisfacente ma allo stesso tempo è uno stimolo a proseguire con costanza sulla strada intrapresa. Il traguardo raggiunto sicuramente ripaga del lavoro di squadra compiuto fini qui e ci obbliga a guardare sempre di più nella direzione della qualità, oltre che della quantità della spesa. Si tratta di puntare sempre di più a rendere strutturali gli effetti dell’azione messa in campo con le risorse comunitarie, in modo tale da supportare il territorio in questo momento di particolare difficoltà economica, ma anche per farsi trovare pronti alla ripartenza”. Così il vice presidente della Giunta regionale e assessore alle Politiche comunitarie Paolo Petrini, commentando la perfomance d’utilizzo dei fondi europei per lo sviluppo regionale. Spesa certificata oltre il 30% e impegni quasi al 70% rispetto alla dotazione finanziaria dei fondi europei disponibili. E’ questo il dato aggiornato al 31 maggio scorso, relativo alla Regione Marche e ufficializzato dal Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca in occasione della prima verifica dei target nazionali introdotti dal nuovo Governo sulla spesa dei fondi comunitari. I dati resi noti dal Ministero evidenziano un panorama nazionale in cui alla data del 31 maggio la spesa certificata è pari al 25% dei fondi europei disponibili. Una percentuale di poco superiore all’obiettivo fissato (+1,1%), che comunque denota una lieve accelerazione nella certificazione della spesa. Le migliori performance vanno ai sedici programmi regionali dell’Obiettivo Competitività. Fra questi la Regione Marche si attesta fra le prime cinque in assoluto, evidenziando ottimi livelli di performance sia per il Programma Operativo FESR che per il programma Operativo FSE. In particolare, il Programma Operativo FESR ha fatto registrare una performance di spesa superiore al 35% e di impegno del 70% delle risorse disponibili. Un risultato in linea con la media europea che vede la spesa per i programmi operativi del Fondo Strutturale di Sviluppo Regionale attestarsi al 37,5% circa.

This entry was posted in Cronaca, Dalla Regione per la città e il territorio. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


+ 1 = cinque

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>