Assemblea aperta sul “Bene Pubblico” Fabriano Basket – Andrea Giombi si affida al nostro portale per lanciare la proposta

Fabriano – di Andrea Giombi – Ringrazio la giovane e promettente “penna Giombi” per averci scelto come organo d’informazione capace di lanciare e sostenere il suo progetto di indire una Assemblea pubblica sul “Fabriano Basket bene Pubblico”. Testimonianza palese e concreta della rilevanza informativa assunta dal sito nato, cresciuto ed ora entrato nella “maggiore età”. Grazie Andrea – il direttore DG – entro subito nel merito.  Scrive Giombi “La pallacanestro in città deve, a mio avviso, essere considerata un bene di tutti i cittadini, perché è espressione di Fabriano e dei fabrianesi. Per questo è inopportuno considerarla semplicemente una società privata. Un’Amministrazione Comunale lungimirante non può pensare questo. Per tale motivo, noi cittadini di Fabriano chiediamo,  prima possibile, considerate le imminenti scadenze del 30 di giugno e del 5 luglio, che venga disposta un’ assemblea aperta, magari in Piazza del Comune, per dimostrare la valenza della nostra società di pallacanestro, nella quale si dare spazio ad un confronto con la cittadinanza sul futuro del nostro Basket.
I temi da affrontare a nostro avviso sono i seguenti:
• Perché della esistenza di una società sportiva divergente che gestisce il settore giovanile
• Chiarimenti sui parametri che la società Basket School riceve dai giocatori
• Proposte di progetti sul futuro della nostra squadra, affinchè i gruppi industriali siano consapevoli di sponsorizzare non a fondo perduto
• Richiesta all’Amministrazione Comunale affinchè si mobiliti per tentare di rendere Fabriano la Coverciano della pallacanestro
Al tavolo chiediamo che partecipino, la dirigenza della Spider Basket e della Basket School, in qualità di esperto in tema economico cestistico Giorgio Montano e i gruppi industriali fabrianesi.
Il basket in città è di tutti, inoltre può essere in questo periodo di crisi sociale ed economica, un segno tangibile dell’attaccamento dell’imprenditoria al nostro territorio, finendola con logiche di delocalizzazione.

Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Sport. Contrassegna il permalink.